Come DIVENTARE un IMPRENDITORE di SUCCESSO

Una storia IMPRENDITORIALE che ha dell’incredibile con 12 lezioni chiave per realizzare il SOGNO DI METTERSI IN PROPRIO e AVERE SUCCESSO .

***

Oggi ho il grandissimo piacere e onore di ospitare sul blog un articolo di William, in cui ci racconterà l’incredibile storia imprenditoriale di Annie, una ragazza che, partendo “da meno di 0”, è diventata un’imprenditrice di successo contribuendo alla fondazione di un’azienda valutata, ora, centinaia di milioni di dollari.

Dopo la pazzesca storia imprenditoriale, William ci rivelerà, inoltre, “12 DRITTE CHIAVE” che ci aiuteranno a capire come realizzare un progetto imprenditoriale partendo da 0 (o quasi)!

Prima di iniziare…Chi è William?

È un appassionato di crescita personale, finanziaria e preparazione mentale.

Chi Sono

Nel suo blog, InScioltezza.com, tratta queste tematiche con stile semplice, efficace e completo… fornendo anche tecniche pratiche (da lui stesso sperimentate) per vivere con leggerezza e disinvoltura.

Detto questo, non mi dilungo in altro, lascio la parola a lui. Buona lettura 😉

INTRO

Diventare imprenditore sicuramente non è facile, “non è cosa per tutti”…Creare dal nulla un’attività imprenditoriale, lanciare il proprio business, NON richiede, oggi come oggi, molti capitali ma RICHIEDE grande passione, spirito di sacrificio, competenze e tanta, tanta persistenza.

Fatta questa piccola ma fondamentale premessa, oggi scopriremo cosa ti serve veramente se vuoi diventare un vero imprenditore, come fare per realizzarti professionalmente e nella vita lavorativa…Il tutto partendo da una incredibile quanto fantastica storia.

Hai mai sentito dire la frase: “quella persona è nata imprenditore, ce l’ha nel sangue”?

Ecco sono solo stronzate. Dimenticala, è generalismo allo stato puro. Non si nasce imprenditori… Lo si diventa!

Ciascuno di noi ha dei talenti più o meno spiccati, la differenza la fa quanta costanza ed impegno si mette nel far crescere le proprie capacità.

Non è nemmeno la quantità di soldi a tua disposizione che fa la differenza (o meglio, potrebbe farla all’inizio), bensì è la tua capacità di creare qualcosa e andare avanti con ciò che hai nella situazione in cui ti trovi.

Devi avere la consapevolezza che non ti sarà regalato nulla e dovrai avere la bravura e la resilienza di andarti a guadagnare e costruire il tuo successo, un centimetro alla volta, giorno dopo giorno.

Per dimostrarti questo, voglio raccontarti una storia vera, un caso emblematico per farti rendere conto di come chiunque può creare qualcosa di unico nonostante le difficoltà e la mancanza di esperienza (e denaro).

Bisogna “semplicemente”, avere una visione ben chiara, volerlo fortemente e non darsi mai per vinti.

Prima di iniziare con la storia super motivante

[PICCOLA RICOMPENSA] TI SAREI ENORMEMENTE GRATO/A se mettessi un BEL +1, cliccando, semplicemente, sul seguente tasto. A te non costa nulla mentre per me sarebbe una gran bella soddisfazione! GRAZIE in anticipo 🙂

 

Annie, la “studentessa depressa”

diventata una TOP imprenditrice

Annie Lawless è una studentessa di giurisprudenza e ha 25 anni quando viene colpita da un bruttissimo male: inizia a soffrire di una forte depressione.

Sprofonda in un “buco profondo” che le toglie quasi la voglia di vivere ,la costringe a letto e le leva tutte le energie e l’entusiasmo.

Ma è proprio grazie a questo momento di difficoltà che Annie inizia a domandarsi seriamente cosa vuole fare della propria vita e riesce a comprendere solo una cosa: “Così non si può andare avanti…E’ necessaria una svolta, voglio trovare IL VERO SCOPO DELLA MIA VITA”.

Capisce che gli studi di giurisprudenza non le interessano veramente e decide, coraggiosamente, di abbandonarli per seguire la sua grande passione: la nutrizione e la sana alimentazione.

Inizia a studiare da autodidatta e, motivata dalla sua passione ed interesse per l’alimentazione sana, apprende e migliora una tecnica per produrre succhi di frutta e verdura bio.

Questa tecnica consiste nell’estrarre a freddo il succo, sfruttando le moderne apparecchiature che consentono di prelevarlo, mantenendo inalterate le proprietà organolettiche del prodotto.

Nel frattempo Annie, ad un corso di Yoga, conosce Eric e scopre che nutre la stessa passione per la sana alimentazione e, condividendola con lui, intuisce che questa visione può concretizzarsi in un progetto imprenditoriale.

Annie ed Eric uniscono le forze ed iniziano a produrre in casa i loro succhi.

I primi clienti sono i loro amici appassionati di yoga e sana alimentazione.

Poi, piano piano, iniziano a venderli porta a porta e ampliano il loro business.

La domanda di succhi bio progressivamente cresce e non sono più in grado di soddisfarla da soli ma, grazie all’ottimo lavoro iniziale e alla rete di conoscenze che si erano creati, trovano un imprenditore disposto a scommettere sul loro business.

Vuoi sapere chi?

No, non Donald Trump…Ma semplicemente il marito di una delle sue più affezionate ( e maggiori) clienti, James, il quale assieme ad un altro suo amico imprenditore decidono di fondare con Annie e Ric: Suja Juice.

Se stai per esternare: “e tutti quanti vissero felici e contenti!”, ti sbagli!

Si, ti sbagli! Perché l’azienda ha, poi, affrontato ben tanti altri problemi…Uno tra tutti: il trasformare un prodotto di nicchia in qualcosa che potesse essere venduto su scala nazionale e internazionale. (NON ROBA DA POCO!)

A questo punto, infatti, Annie e i suoi soci si trovano difronte alla difficile decisione: usare o no dei conservanti, compromettendo il principio di fondo del prodotto (bio)?

Oppure trovare e sperimentare diverse soluzioni, anche rischiose dal punto di vista commerciale?

Dopo diverse ricerche e molti esperimenti falliti riescono a scoprire una nuova tecnica, la cold pressure, che permette di eliminare i batteri sfruttando la pressione dell’acqua.

Grazie a questa scoperta riescono ad allungare il ciclo di vita dei loro succhi in maniera naturale (fino a 30 giorni) e a mantenere inalterato il su cui si fonda il loro prodotto.

Oggi Annie e la Suja Juice vendono anche attraverso la grande distribuzione… E l’ottimo lavoro svolto ha catturato l’interesse delle grandi multinazionali come Coca Cola e Goldman Sachs che hanno acquistato quote azionarie dell’azienda.  

Ora l’azienda di Annie vale più di 300 milioni di dollari!

Non male per una ragazza che soffriva di depressione e non sapeva cosa fare nella vita.

Sei rimasto colpito dalla forza di volontà di una ragazza, all’apparenza, così fragile?

Bene, vediamo insieme cosa possiamo imparare dalla storia di Annie (e non solo) e come puoi fare tu, in termini pratici, per diventare un imprenditore di successo e realizzare il tuo sogno.

 

12 REGOLE CHIAVE per DIVENTARE IMPRENDITORE di successo.

1# Il momento perfetto non esiste: non esiste un momento ideale per creare qualcosa da zero.
Pensa alla fragile Annie, soffriva di una depressione che la “inchiodava” a letto MA, un giorno comprende che ciò che sta facendo nella sua vita non la soddisfa più.

Decide, semplicemente, di osare e si mette in discussione.

Se aspetti il momento perfetto, i tuoi sogni rimarranno a fare la muffa nel cassetto e prima o poi ti abituerai all’idea del “ma non era il momento ideale”

Ora, sia chiaro…Il messaggio che deve passare non è assolutamente quello di abbandonare gli studi o un lavoro da dipendente alle prime difficoltà per buttarsi in un’avventura imprenditoriale a fondo cieco, bensì quello di ascoltare il proprio cuore e dare tutto noi stessi per realizzare ciò che REALMENTE VOGLIAMO.

2# E’ naturale provare paura ma agisci lo stesso: chiunque, all’inizio, quando non conosce l’ambiente, quando è poco pratico, prova un comprensibile senso di timore e disorientamento.

Vuoi sapere come superare la paura?

Agisci!

Agire ti permetterà di affrontare le tue paure iniziali e acquisirai maggiore sicurezza in te stesso. Il resto lo farà l’esperienza e la pratica quotidiana.

Non si è mai “completamente pronti”. Si impara anche e soprattuto facendo!

3# Aiutati “da solo”: nessuno verrà a cercarti per darti una mano!

Annie ha iniziato il suo percorso per diventare imprenditrice lavorando da sola.
Dopo che hai individuato la tua passione e ti sei dato uno scopo (obiettivo) vai avanti e fai di tutto per perseguirlo, anche da solo.

Vedrai che, lavorando autonomamente, svilupperai le tue competenze, diventerai gradualmente esperto, sempre più sicuro e….quando persegui con tenacia il tuo scopo, troverai lungo il tuo percorso altre persone che coltivano i tuoi stessi interessi e passioni e in men che non si dica ti ritroverai a far parte di un super team affiatato! 😉

4# Parti con poco e sfrutta le risorse a tua disposizione: non è necessario essere milionari per iniziare. Ragiona in maniera smart, crea un prototipo e presentalo solo a quelle persone che potrebbero essere effettivamente interessate. Sono Il tuo TARGET, focalizzati su di loro!

Il tuo prototipo deve essere semplice, pratico, utile e sviluppato col minor costo possibile.

Mettiti in testa che devi imparare ad arrangiarti con quello che hai. Non piagnucolare ma aguzza l’ingegno e libera la tua creatività.
Parti in piccolo, sfrutta ciò che hai a tua disposizione, ma sogna in grande!

5 # Parla con chi ha più esperienza di te nel settore: è ciò che fa la differenza tra un idea che rimane tale da un progetto che diventa realtà!

Individuare persone con più esperienza, nello specifico settore in cui vorresti andare a inserirti, significa apprendere segreti e trucchi che ti aiuteranno a crescere molto più velocemente, con meno fatica, meno errori e maggiore efficacia ovviamente.
Le competenze si sviluppano nel tempo, con pratica e costanza, frequentando persone che condividono le tue stesse passioni e circondandoti di gente più in gamba di te.

 (Un’ottima risorsa gratuita è Startus: mette in contatto imprenditori o aspiranti tali, Startuppers e mentori del panorama europeo)

6 # Impara a trasformare i NO in SI: la differenza tra un perdente ed un vincitore è fatta dalla capacità di reagire di fronte alle avversità e alle difficoltà della vita.

Tutti i vincenti hanno una cosa in comune con chi alla fine “non ce l’ha fatta”: si sono sentiti spesso dire di no.
La differenza sta tutta nell’affrontare questo ostacolo: impara ad incassare un mucchio di no senza perdere entusiasmo e voglia di lottare!

Le prime volte bruceranno e faranno un fottuto male cane, ma se impari ad “incassare i colpi” (i fottuti NO), apprenderai come superare le difficoltà e…col tempo non solo faranno meno male, ma saprai anche come trasformarli in entusiastici SI! 😉

Il superamento delle obiezioni è ciò che caratterizza un imprenditore di successo dal resto della massa.

7 # Individua una passione-bisogno tua o di altri: Annie è partita dalla sua passione per la sana alimentazione e ne ha creato un grande business…Ma non è necessario seguire il suo stesso percorso.
Se, ti rendi conto che le tue passioni non sono monetizzabili, trova qualcosa che piaccia ad altri e su cui potresti costruirci un’attività: un hobby poco servito, una domanda non soddisfatta, un piccolo problema ora irrisolto o risolto male, un desiderio inespresso.

Una volta che hai fatto questo, dai loro la soluzione e risolvi il loro problema!

Insomma TROVA UN VUOTO e COLMALO. Non è necessario “reinventare la ruota” per essere imprenditori di successo. Basta una piccola intuizione ben sviluppata! 😉

8 # Abituati al fatto che in molti proveranno ad ostacolarti: spesso sono le persone più vicine a noi che provano a bloccarci o a dirci che “quell’idea è impossibile” o “da pazzi”.

Ascolta, valuta, rifletti…Ma alla fine, la vera e unica decisione finale spetta sempre e solo a te.

Una volta scelta la tua direzione vai avanti come un treno, vai dritto per la tua strada e non curarti di chi cerca di “farti deragliare”.

Poi, datti una scadenza!

Se entro quella data non avrai realizzato gli obiettivi preposti…Fai un bel respiro, tira le somme, impara la lezione e riprova! 😉

9 # Non è mai troppo tardi: non è importante quanti anni hai…Smettila di raccontarti la “storiellina” che sei troppo giovane o troppo vecchio!

L’età non c’entra!

Annie ha creato la sua attività a 25 anni mentre soffriva depressione e ti garantisco che esistono persone che decidono di diventare imprenditori anche col doppio degli anni di Annie.

Ciò che conta è la volontà di creare qualcosa di tuo e, dal nulla, farlo crescere per migliorare la qualità della tua vita e delle persone che il tuo Business andrà a servire.

Ricorda che l’età è solo un fattore anagrafico, se senti che vuoi realizzare qualcosa di tuo non esiste età giusta, devi solo farlo.

“La giovinezza è UNO STATO DELLO SPIRITO, la vittoria del gusto dell’avventura sull’amore per la comodità”

10 # Fai il passo più lungo della gamba: smettila di accontentarti! Inizia ad osare.

Inizia a pretendere di più da te stesso e dalla tua vita.

La maniera migliore per crescere, non solo come persona, ma anche per realizzare il tuo sogno imprenditoriale, è di imparare a fare il passo più lungo della gamba. Solo così diventerai più forte, crescerai e ti svilupperai professionalmente.

Non avrai mai tutto sotto controllo e non ti sentirai mai completamente sicuro. La sicurezza arriverà solo facendo.

E se sei ancora impaurito, stampatelo bene nel cervello: una ragazza fragile come Annie ha deciso di mettersi in gioco nel periodo peggiore della sua vita.

Quindi se REALMENTE vuoi, puoi!

11# Leggi e non accontentarti mai: Non smettere mai di essere curioso, affamato di conoscenza…Non smettere mai di studiare, aggiornarti e stimolare la tua mente con letture utili e arricchenti.

Viviamo in un mondo che cambia alla velocità della luce: bisogna sempre fare tutto il possibile per cercare di stare sempre al passo nel settore in cui si vuole operare.

Questo è un aspetto imprescindibile di ogni bravo imprenditore.

Sulla tua strada si presenteranno sempre problemi… Ma con curiosità, studio e lettura costante acquisirai quelle conoscenze necessarie per trovare sempre nuove soluzioni vincenti.

Secondo te, Annie, come ha imparato a produrre i suoi primi succhi? Come fatto a superare il problema della scadenza? Come ha imparato a vendere i suoi primi prodotti? Come ha imparato a che prezzo vendere, a quanto pagare le materie prime? Come creare una società? 😉

Se sei interessato/a … Al seguente LINK sono presenti i 27 LIBRI che OGNI IMPRENDITORE, o ASPIRANTE TALE, dovrebbe assolutamente leggere (+2 incredibili app che ti faciliteranno il compito).

12# PRATICA, PRATICA, PRATICA : la teoria e le nozioni sono molto importanti ma, se non sono accompagnate dalla pratica, non portano da nessuna parte.

Non esiste metodo migliore che sperimentare, apprendere dai propri errori, mettersi alla prova e sfidarsi sempre!

“Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo.” Aristotele

[SPECIAL BONUS ] I FONDAMENTALI, in pillole, per AVVIARE IL PROPRIO BUSINESS

-Comprendi ciò che sai già fare, i tuoi punti di forza e come puoi essere utile, fin da subito, agli altri.

-Focalizza la tua attenzione sui problemi delle persone (o desideri insoddisfatti), individua come fare per risolverli e poi….fornisci loro la soluzione! (Annie ad esempio era molto attenta ai problemi dei celiaci, si è immedesimata nei suoi potenziali clienti e ha proposto loro qualcosa in grado di risolvere, in parte, il loro problema).

Non individuare un problema generico ma impegnati ad individuare “piccoli” ma specifici problemi quotidiani.

-Studia !

Chiunque smetta di imparare è vecchio, che abbia 20 o 80 anni. Chiunque continua ad imparare resta giovane. La più grande cosa nella vita è mantenere la propria mente giovane. “ Henry Ford

Leggi libri e continua a tenerti informato su tutto ciò che ti aiuterà a crescere nel tuo settore e a darti un vantaggio.

-AGISCI!

Poi, piccolo consiglio: lascia perdere “i cartelloni pubblicitari sull’autostrada o sotto i ponti”, non servono a nulla!

Hai mai sentito parlare di internet e delle nuove tecnologie?

Scommetto di si!

Bene, senza dilungarsi o entrare nello specifico (non basterebbero 50 mila parole)… Sappi che internet sta crescendo sempre di più e sempre più persone acquistano e risolvono i loro problemi attraverso questo canale (Circa 3 miliardi entro il 2020).

Attraverso lo schermo di un semplice cellulare puoi potenzialmente esplorare tutto il mondo e, allo stesso tempo puoi raggiungere tutto il mondo con “il tuo messaggio-prodotti” (Non so se ti rendi conto del POTENZIALE SCONFINATO).

La pubblicità (anche gratuita se saputa fare) su internet costa molto meno, è misurabile (dunque sempre migliorabile) e ha un ritorno economico più alto di qualunque altra strategia pubblicitaria.

Giusto per non caricarti troppo oggi, salvati queste parole chiave e dai un’occhiata alle relative ricerche quando avrai un po’ di tempo libero : content marketinginbound marketingemail marketinglead generationmobile adsNative ads.

Fidati, chi non applicherà determinate strategie nei prossimi 10 anni, sarà destinato a tramontare e fallire con la propria attività. Chi le farà proprie e le applicherà al meglio riuscirà a raggiungere risultati prima d’ora impensabili. GARANTITO.

***

Se concentrerai il tuo impegno su questi fondamentali…Vedrai che, non solo parleranno di te (o del tuo prodotto o servizio), ma ti considereranno prezioso e utile, quasi indispensabile…E a quel punto il successo imprenditoriale sarà solo questione di tempo.

Perché il segreto, in fondo, è tutto qui: cercare di diventare indispensabili agli occhi e al cuore dei nostri clienti.

Good luck! 😉

Condividi queste utili risorse con la tua cerchia di amici proprio COME IO HO FATTO CON TE. (Al LATO SINISTRO o A FINE POST sono PRESENTI le ICONCINE per FARLO VELOCEMENTE e COMODAMENTE)

“AL TEMPO D’ OGGI CHI NON CONDIVIDE E INTERAGISCE VIAGGIA DA SOLO, E CHI VIAGGIA DA SOLO E’ DESTINATO A PERDERSI!”

GRAZIE PER L’ ATTENZIONE.

MIRANDO BRUNI

foto mirando

CONDIVIDI ;-)
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin
  • Grazia

    ciao Mirando! Ottimo articolo, sono sorpresa che nonostante la tua giovane età riesci a scrivere articoli con quella saggezza che di solito arriva più avanti negli anni 🙂 Il consiglio che mi è piaciuto di più in questo articolo, il più vero è: AIUTATI DA SOLO! DA SOLA, per le donne. Niente di più vero! Bisogna uscire dalla pigrizia culturale tramandataci… tutto comincia da noi stesso, solo noi possiamo aiutare noi stessi. Continua così, baci Grazia

    • essereal

      Grazie mille Grazia.
      In questo articolo William ha fatto il lavoro grosso e effettivamente ne è uscito un fuori un bel pezzo nel complesso. 🙂

      “Aiutarsi da soli” è forse quella soluzione che va quasi bene per qualunque tipo di problema (almeno nella fase iniziale).

      Grazie ancora cara , un abbraccio,
      Mirando.