ucoolme

ITALIANO di 17 ANNI CREA ” IL NUOVO INSTAGRAM ” : uCoolMe

Un ragazzo di Roma, a soli 17 anni, ha IDEATO e LANCIATO un nuovo SOCIAL NETWORK basato INTERAMENTE SUL MOBILE, dalle ENORMI POTENZIALITA’ e dalle CARATTERISTICHE più che UNICHE: uCoolME.

E’ la prima volta che, in questo blog, parlo di una idea/impresa che non abbia già avuto successo. Ma, visto il caso particolare, ho voluto fare un’eccezione.

Nella prima parte del post ti descriverò “il prodotto” e farò una breve introduzione all’ ideatore protagonista. Nella seconda parte sarà presente l’ intervista esclusiva. Nella terza e ultima parte sarà presente una lezione di 7 brevi punti che potremmo apprendere da questo interessante caso.

Tommaso Forza ha soli 17 anni e, poco più di un mese fa, coordinando un “team internazionale”, grazie ai suoi pochi risparmi e grazie a qualche micro-prestito di amici e parenti, ha lanciato ufficialmente su App Store e Google Play la sua creatura: uCoolMe! In meno di un mese dal lancio ha raggiunto 2400 utenti iscritti.

Tommaso mi contattò qualche settimana fa tramite la MAIL UFFICIALE del BLOG per rendermi partecipe del suo progetto appena lanciato. Ne fui LETTERALMENTE STREGATO, viste le INNOVAZIONI e le ENORMI POTENZIALITA’ che ritengo, questo NUOVO SOCIAL NETWORK, possa avere.

uCoolMe è DAVVERO SPECIALE, a mio modesto vedere, perchè è una piattaforma ideata e creata per soddisfare alcuni dei bisogni attualmente INSODDISFATTI dei moderni teenagers (e non solo), regalando una esperienza utente totalmente NUOVA e UNICA.

Si sa, sono loro i padroni in questo settore, sono loro gli unici che, in breve tempo, possono decretare il MASSICCIO SUCCESSO (o fallimento) di una nuova piattaforma, social network, di una nuova app (Es. Snapchat, Retrica, Ask.fm, instagram ecc.).

Capire le loro logiche, dinamiche sociali e adattarsici di conseguenza, con le moderne tecnologie, può significare, per uno scaltro imprenditore, FARE MILIONI!  😆

Basti pensare alla recente notizia che il nuovo social WIGO, ideato e creato da alcuni ragazzi  nel dormitorio di un college, in qualche mese dal lancio, ha raggiunto l’ esorbitante valutazione di 14 MILIONI DI DOLLARI.

Con uCoolMe non c’ entra nulla in termini di prodotto, ma rende bene l’ idea del fatto che, ancora, nel mondo piattaforme social si può fare e creare tanto.  Chiaramente  le opportunità ci saranno per chi saprà intuire prima e meglio certe dinamiche sociali.

THE PRODUCT

uCoolMe, in breve, permette, come Instagram, di creare un profilo personale e di inserire foto modificate con vari filtri. Permette di inserire descrizione e  hashtag . E “obbliga” l’ utente ad etichettare la foto con almeno una categoria di quelle presenti nel social. La piattaforma, inoltre, è molto intuitiva, semplice e diretta. Ma, fin qui, niente di particolarmente innovativo.

La vera novità è il fatto di POTER VOTARE  e ESSERE VOTATI con punteggio da 1 a 5, per conoscere “quanto si è cool” e “quanto è cool” ciò che facciamo/postiamo. Ogni utente, in sostanza, può votare qualsiasi foto caricata mettendo un “simil-like” in scala da 1 (UNCOOL) a 5 (COOL). La vera peculiarità è che il voto espresso RIMANE SEGRETO e, della foto in questione, sarà visibile solo LA MEDIA ARITMETICA di tutti i voti ricevuti.

ucoolme1

 

Questa caratteristica soddisfa in maniera pratica, intuitiva e veloce la grande esigenza, principalmente dei moderni Teenagers, di sapere cosa i coetanei pensano di loro e di ciò che fanno.

THE CUSTOMER

Il bisogno quasi compulsivo degli “under 16” odierni di sapere “quanto si è fighi” o il “voler sentirsi cool” o  la loro “insistente ricerca” di nuovi modi per inter-relazionarsi, si possono facilmente riscontrare andando a spulciare sui loro profili, pagine, gruppi o su Ask.fm  ( Es. “like per voto da 1 a 5” o “votami che ti voto” o “Votami in segreto su ASk”, “Ricambio il like” e altre “puttanate varie” XD).

Piccola riflessione: Non voglio fare il moralista, né il “giovane vecchio superiore e cresciuto” ( ho appena compiuto 24 anni, sono stracolmo di difetti e compio tutt’ora molteplici idiozie quotidianamente), ma i “giovani ragazzi” odierni sembra che il cervello se lo siano completamente giocato, perso, recuperato e riposto in un frullatore da 200 volt! Sarà colpa del porno industriale ultra accessibile e super vario, o del fatto che One Direction e Justin Bieber svolgano la propria professione canora nello stesso periodo storico, o di qualche strana onda elettromagnetica che gli smartphone odierni emanano e ancora la scienza non ha scoperto… La causa precisa non è ancora nota. Ma di certo la situazione è preoccupante  😯

Detto questo, i teenagers, sono e rimarranno una potenziale miniera d’ oro per 3 principali aspetti :

  1. ALTAMENTE “VOLATILI”: cioè più propensi al cambiamento e più facilmente “acquisibili” . Sarebbe difficile, invece, convincere un moderno 60enne ad utilizzare un altro social se, a malapena, utilizza facebook.
  2. ALTO TASSO DI UTILIZZO. Hanno sempre il cellulare in mano. Più un utente utilizza un servizio in termini di tempo, più, potenzialmente, il servizio è monetizzabile.
  3. Epansione a MACCHIA D’ OLIO. Vogliono fare e avere tutto ciò che i coetanei hanno e fanno. Nelle loro mani ci sono più alte probabilità che qualcosa possa diventare virale e/o “di moda”.

uCoolMe non è altro che l’ intelligente intuizione scaturita dall’analisi dei bisogni e delle dinamiche sociali dell’ HOMO SAPIENS nella sua fase di crescita, tempesta ormonale e rincoglionimento totale. 😆

A parte gli scherzi,la piattaforma, tutto sommato, è divertente e le potenzialità, visto il target di mercato, sono ENORMI.

UcoolMe, grazie al sistema su cui è basato,  permette di sapere, in ogni categoria, cosa è “più cool” stilando delle classifiche basate sulla media in tempo reale. Questo potrebbe essere di grande appeal, in prospettiva futura, per: le aziende interessate a stare in cima ed “essere cool”, aziende o enti  che compiono indagini di mercato, persone che vogliono individuare e analizzare i vari trend in termini di gusto con immediatezza e facilità, utenti comuni che sono semplicemente indecisi su quale lounge bar scegliere per l’ aperitivo.

E’ presente,inoltre, anche le classifica degli utenti “più cool” (con la media voti più alta) aggiornata in tempo reale, in modo da innescare negli utenti il senso del gioco che li porti all’utilizzo continuato.

ucoolme2

UcoolMe, permette anche di cercare, trovare e seguire gli utenti più vicini in base alla geolocalizzazione.

Viste tutte queste caratteristiche e peculiarità, con la corretta strategia e qualche aggiustamento, eventuali utili  non sarebbero, poi, così lontani.

L’ app, nel complesso, infatti, per “fare il botto”, necessiterebbe di un aumento nella velocità di caricamento e qualche implementazione e miglioria sia nel back end (analisi e gestione dei dati) che nel front end (ciò che è visibile dell’ app).

Ma ti ricordo, comunque, che stiamo pur sempre parlando di un innovativo social network mobile, perfettamente “targetizzato” e lanciato da un 17enne. Dietro c’è un lavoro immane. E’ già tanto che non “crashi” ad ogni apertura! (E NON LO FA MAI)

Inoltre, ciò che mi ha colpito di Tommaso sono: la sua poliedricità, la sua CHIAREZZA D’ INTENTI, estremamente atipica per un ragazzo della sua età , e la strategia MARKETING “Ad-hoc” che ha ideato e sviluppato (ne parla nell’intervista) .

Comunque, mi sono dilungato abastanza, lasciamo parlare la mente protagonista.

Ecco a te l’ ESCLUSIVA INTERVISTA a Tommaso Forza, CEO & FOUNDER di UcoolMe.

A fine POST ti ho preparato i soliti “Insegnamenti riassunti da PRENDERE e PORTARE a CASA” che possiamo ricavare da questo ISPIRANTE e STIMOLANTE CASO.

INTERVISTA

1- Ciao Tommaso, quanti anni hai e che scuola frequenti?

Compirò 18 anni a Marzo e frequento il Liceo classico, anche se sto
studiando da privatista per il diploma di scuola superiore americana.

2- Quali sono le tue principali passioni?

Sono appassionato, ovviamente, di tecnologia e di praticamente tutto ciò
che riguarda l’imprenditoria , a questa passione affianco quella del
design e dei motori.

3- Cosa facevi prima di UcoolMe ( oltre lo studio ovviamente)?

Da sempre partecipo ad iniziative imprenditoriali e non, dalle
pubbliche relazioni per eventi giovanili al trading di borsa .

4- Quando ti è venuta la passione per il business in generale e grazie a cosa in particolare?

Da quando ho memoria ho sempre voluto fare l’imprenditore , mio nonno
materno è sempre stato di grande ispirazione da questo punto di vista , il
bisogno di creare e sperimentare mi ha sempre portato a mettermi in gioco
ed è ciò che continua a spingermi oltre i miei limiti , ogni giorno.

5- Quando ti sei avvicinato al mondo delle app?

Mi sono avvicinato al mondo delle app quando ho partecipato ad un bando
della Regione Lazio , in quel contesto ho avuto l’idea e ho deciso di
abbandonare il concorso per concentrarmi su uCoolMe.

6- Come ti è venuta l’ idea di uCoolMe?

Ho sempre notato la forte necessità , tipicamente umana , di sapere cosa
gli altri pensano di noi senza mezzi termini , vedi Ask.fm . A questo
bisogno ho voluto affiancare il mondo delle valutazioni online molto
snobbato dai giovanissimi perché considerato da “ Vecchi criticoni” . Le
due cose sono tenute insieme dalla voglia di mostrare l’esclusività del
proprio stile di vita agli altri , dando però la possibilità di conferire
un giudizio più ampio e di confrontarsi nelle diverse classifiche presenti
in uCoolMe.

7- Come hai trovato i soldi per realizzarla?

Grazie a soldi che avevo da parte , guadagnati con le precedenti
esperienze e  grazie a qualche micro- prestito da parte di amici e parenti che hanno creduto al progetto semplicemente ascoltando l’ idea.

8- Quali sono state esattamente le spese fino ad ora sostenute per la creazione, lancio e primo mese di marketing dell’ app-social?

Più o meno 10000 euro.

9- Da chi è composto il team di UcoolMe? Come hai conosciuto e  trovato i tuoi collaboratori?

Il team, oltre che da me nella veste di CEO, è composto da : Tiny Malik ,
un giovane svizzero di origine asiatiche , che si occupa delle relazioni
al di fuori dell’Italia , della stesura del business plan e della parte
finanziaria ; Sam Kafle , giovane Ingegnere informatico che si è occupato
della parte di sviluppo web , design di logo e icona ;
Luca Chikovani si è occupato delle pubbliche relazioni in Italia con le
webstar che abbiamo coinvolto , e con personaggi di rilievo nel mondo dei
social .
La parte di sviluppo mobile è stata affidata alla incredibile CREACT di
Napoli con i quali abbiamo collaborato in grande armonia.
Ci siamo conosciuti tutti grazie a precedenti esperienze , tranne che con
Luigi Marino (CEO di CREACT) con cui ho stretto amicizia da quando sono
entrato nel mondo delle app.

10- Quali sono state le principali difficoltà trovate nello sviluppo e lancio?

Abbiamo trovato qualche difficoltà  con le Guide Lines di Apple , che
sono molto restrittive, e avendo un team internazionale è stato complesso
coordinare il tutto . Ma senza difficolta che divertimento ci sarebbe ?

11-Quale è la tua strategia di lancio e promozione?

La nostra strategia di promozione verte principalmente sul
coinvolgimento in prima persona dell’utente tramite personaggi del web ed
eventi . Dato il budget molto ristretto non abbiamo potuto contare su
grandi campagne pubblicitarie ma abbiamo per esempio creato Categorie
speciali in occasione di San Valentino e della Notte degli Oscar per
aumentare il coinvolgimento degli utenti . Mentre ora stiamo lavorando ad
un Reward system che premi gli elementi più cool in categorie particolari.
Ci teniamo sempre a sottolineare che noi stessi siamo utenti medi di
uCoolMe .

12- Quali sono i prossimi passi che avete in progetto di compiere?

Stiamo valutando offerte e incontrando investitori per il primo round di
fund raising , i nostri piani a breve termine sono quelli di inserire
nuove funzionalità , di correggerne alcune e di espanderci in altri paesi.

12- Quali consigli daresti ad un giovane aspirante Startupper?

Beh , intanto di rischiare a patto di essere consapevoli dei rischi e prendendosi le proprie responsabilità con coscienza, poi di non badare troppo all’ ambiente che Italiano , così poco a misura di giovani e giovanissimi e di pensare con la propria testa . Per quanto sia interessante discutere
di idee imprenditoriali , ho notato che ultimamente si parla un po’ troppo
e si agisce troppo poco .

[Tweet “” ho notato che ultimamente si parla un po’ troppo e si agisce troppo poco .””

13- Quali libri, principalmente, ti hanno ispirato/formato e dunque consiglieresti di leggee ?

Rimanendo nell’ ambito dell’imprenditoria , consiglio il mitico “ Pensa e arricchisci te stesso” di Napoleon Hill insieme a “Steve Jobs” di Walter Isaacson
a scopo ispirazionale , nel mio  ho trovato molto interessante ed
efficace “Critica portatile al visual design” di Riccardo Falcinelli , e
da un punto di vista tecnico tutti i libri della Hoepli a seconda delle
personali necessità.

Inoltre, da quando è nato, seguo assiduamente EssereALTOP.it e, ovviamente, consiglio vivamente di fare altrettanto. 🙂

 

 

Intervista terminata. Spero che sia stata di tuo gradimento e che ti sia ispirante e utile.

Puoi scrivermi tutto ciò che pensi a riguardo, in privato all’indirizzo E-mail : esserealtopblog@gmail.com o pubblicamente nei commenti in fondo al post.

COSA POSSIAMO IMPARARE da TOMMASO, la sua INTERVISTA e il SUO PRODOTTO ?

TAKE HOME MESSAGES

Ti ho preparato un breve ESTRATTO di  7 lezioni che potremmo prendere e far nostre.  ;)

TAKE HOME MESSAGES” di                                                                                                                  

“ITALIANO di 17 ANNI CREA ” IL NUOVO INSTAGRAM ” : UcoolME ”

1- L’ ETA’ NON CONTA. Se una persona vuole VERAMENTE REALIZZARE una cosa è molto difficile che NON ci RIESCA. Il tutto sta nel QUANTO LO SI VUOLE e cosa si è disposti a sacrificare. Tommaso a soli 17 anni c’ è riuscito, perchè TU NON POTRESTI realizzare l’ idea-progetto che ti fronzola da tempo in testa?…”IL TEMPO?!?!? Si trova…si trova..”

fare qualcosa

2- In QUALSIASI AMBIENTE tu ti trova, QUALSIASI TIPO DI PERSONE  tu possa frequentare (fascia d’ età, disponibilità economiche, hobbies), se VUOI FARE IMPRESA, CAPTA BISOGNI, DESIDERI INESPRESSI e/o INSODDISFATTI DAL MERCATO. Come ha fatto Tommaso, notando il bisogno insoddisfatto di conoscere il giudizio degli altri.

3- L’ idea- ispirazione-soluzione  può arrivare da QUALSIASI CIRCOSTANZA. Leggi il più possibile (parti dai libri consigliati da Tommaso, li ho letti anche io e meritano), apri la mente a tutto. Se una cosa/esperienza ti sembra interessante…FALLA! Le migliori idee NASCONO DA semplici CONNESSIONI! Tommaso prima organizzava eventi nelle discoteche e faceva trading online.

4- Se vuoi lanciare un’ APP di buon livello.. se sei bravo, con 10000 euro (compreso il lancio e i primi tempi di marketing) puoi cavartela. Poi devi considerarci eventuali cambiamenti, implementazioni, aggiornamenti e promozione continua. L’ app non va vista come un giochino che si mette online e inizia a stampare soldi. Se vuoi avere successo, considerala come un’ impresa a tutti gli effetti.

5- CREA LA GIUSTA SQUADRA, o, come dice Napoleon Hill la giusta “associazione di cervelli”. NON provare a fare tutto tu! Fai ciò IN CUI SEI BRAVO e IMPARA a TRASMETTERE-COMUNICARE la TUA VISION al TEAM. Ciò che hai tu nella capoccia, riguardante il prodotto, devi condividerlo nel miglior modo possibile. DEVI ESSERE “A CRANIO APERTO” in modo da AUMENTARE IL COINVOLGIMENTO della squadra.

6- Sii ORIGINALE nel MARKETING. “Pubblicità ordinarie danno risultati ordinari” (si l’ ho cambiata a mio piacimento XD ). Pensare di poter fare una pubblicità standard copiando magari gli annunci e le strategia delle grandi aziende, E’ UNA FOLLIA! Inventati, a seconda del tuo prodotto e del target su cui è basato, modi alternativi di comunicare e coinvolgere il tuo utente-cliente. Per esempio, Tommaso, ha chiesto alle “webstar” di scrivere qualche post riguardante UcoolMe o ha utilizzato le funzionalità della stessa piattaforma per creare delle gare a premio in determinate occasioni. INGEGNATI!

7- Sii SEMPRE UN PASSO AVANTI. Lascia il meno possibile al caso. Sappi sempre in anticipo quale sarà il prossimo passo,  ipotizzando e immaginando tutti i possibili scenari differenti. 

SPERO CHE TU ABBIA GRADITO L’ ARTICOLO  E CHE TI SIA MOLTO UTILE IN FUTURO. QUESTO BLOG-MAGAZINE E’ FRUTTO DI TANTA PASSIONE E SACRIFICI. TI SAREI MOLTO GRATO SE MI AIUTASSI A CRESCERE.

CONDIVIDI QUESTE UTILI INFORMAZIONI CON LA TUA CERCHIA DI AMICI COME IO HO FATTO CON TE. (A LATO SINISTRO O A  FINE POST SONO PRESENTI LE ICONCINE PER FARLO VELOCEMENTE E COMODAMENTE).

“AL TEMPO D’ OGGI CHI NON CONDIVIDE E INTERAGISCE VIAGGIA DA SOLO, E CHI VIAGGIA DA SOLO E’ DESTINATO A PERDERSI!”

GRAZIE PER L’ ATTENZIONE.

MIRANDO BRUNI

foto mirando

CONDIVIDI ;-)
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin
  • Grande Mirando che lezione di vita e di imprenditoria ITALIANA.

    Come dico sempre se siè aperti, ad imparare a crescere e a dare il meglio,
    quando credi in cio che fai arrivi DOVE VUOI!!!

    Un grande GRAZIE per questa super news:-)))

    • Grazie Salvatore.
      Certo, IL VOLERE FORTEMENTE UNA COSA, SAPERE ESATTAMENTE CIO’ CHE SI VUOLE, essere SEMPRE MOTIVATI e FOCALIZZATI… rappresentano, insieme, già il 40-50% di quelli che sono gli STEP per il successo personale.
      Era una caso, questo, che andava raccontato. Ispirazionale, motivante e soprattutto ITALIANO. 😉